FAGIOLI ALL’UCCELLETTO, UN CLASSICO DELLA CUCINA ITALIANA

FAGIOLI ALL’UCCELLETTO, UN CLASSICO DELLA CUCINA ITALIANA

Ogni volta che preparo i fagioli all’uccelletto mi vengono in mente i film western che guardavo da piccola con mio padre.

Non c’era film in cui un cowboy non aprisse una latta di fagioli!

Solo a guardarli ti facevano venire una gran voglia di correre in cucina e preparare una padella enorme di fagioli!

I fagioli all’uccelletto sono una ricetta tipica della tradizione culinaria italiana e più precisamente di quella toscana.

La loro preparazione è molto semplice e ancora oggi nessuno è riuscito a dare una spiegazione del perché si chiamino fagioli all’uccelletto. Solo il padre della cucina italiana, Pellegrino Artrusi, ha azzardato un’ipotesi. Secondo l’Artrusi il nome deriva dal fatto che in questa ricetta si utilizzano gli stessi aromi che vengono utilizzati per la preparazione degli arrosti di uccelletti.

Se sia vero o meno, non lo so….so solo che i fagioli all’uccelletto sono di una bontà unica.

Preparate un pezzo di pane perché qui la scarpetta è d’obbligo!

Ingredienti per 4 persone

250 gr di fagioli cannellini secchi

300 gr di pomodori pelati

qualche foglia di salvia

1 spicchio d’aglio

4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

sale q.b.

pepe nero q.b.

Dopo aver messo in ammollo per una notte i fagioli, lessateli in acqua e poi fateli raffreddare.

In una padella versate l’olio e aggiungete le foglie di salvia e lo spicchio d’aglio tagliato a metà.

Fate insaporire l’olio a fuoco basso.

Versate i pelati e fate ridurre leggermente la loro consistenza.

A metà cottura aggiungete i fagioli cannellini. Mescolate bene e fate insaporire fino a quando i fagioli non saranno morbidi.

Regolate di sale e aggiustate di pepe.

Potete utilizzare i fagioli all’uccelletto come contorno ad un piatto a base di salsiccia o di trippa in umido, personalmente mi piace gustarli così, da soli, armata di pane per la scarpetta finale.


2 thoughts on “FAGIOLI ALL’UCCELLETTO, UN CLASSICO DELLA CUCINA ITALIANA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *