SEUPA DE PELON

SEUPA DE PELON

Innanzitutto …buon anno!

 

Spero abbiate festeggiato alla grande e che siate pronti per affrontare al meglio il 2019.

 

L’anno nuovo non può che cominciare con la ricetta dedicata alla rubrica de l’Italia nel piatto.

 

Il tema di gennaio è “Zuppe e minestre dopo le feste” e per l’occasione ho scelto di preparare una zuppa contadina.

 

La cucina valdostana è una cucina povera e ogni ricetta è legata alla tradizione, al rispetto del territorio e soprattutto è legata alla montagna.

 

Ogni vallata ha le sue ricette e soprattutto custodisce le proprie tradizioni, tramandandole alle future generazioni.

 

La seupa de pelon è la classica minestra d’orzo valdostana: la ricetta è custodita tra le cucine della valle del Gran San Bernardo.

 

Lo pelon,in patois,  significa pestello e si pensa che venisse usato per pestare l’orzo per accelerarne la cottura.

 

 

La seupa de pelon è una ricetta semplice, dalle origine contadine e che negli anni si arricchita di ingredienti e sapori.

 

SEUPA DE PELON
Print Recipe
SEUPA DE PELON
Print Recipe
Ingredienti
  • 1 lt brodo vegetale
  • 1 porro
  • 1 carota
  • 3 patate
  • 2 foglie alloro
  • 70 g burro
  • 250 g orzo perlato
Porzioni:
Istruzioni
  1. Pulite e tagliate a fettine il porro, la carota e la cipolla. Sbucciate e tagliate a cubetti le patate.
  2. Fate fondere il burro in una pentola e fate rosolare il porro e la carota, successivamente aggiungete la dadolata di patate e cuocete mescolando per 10 minuti.
  3. Riempite la pentola d'acqua e portate a bollore, aggiungete le foglie d'alloro e l'orzo. Aggiungete sale e pepe a piacere e cuocete per 1 ora e 30 minuti.
  4. Prelevate un mestolo di zuppa e frullatela riducendola in crema. Versate il tutto nella seupa: questo passaggio vi permetterà di servire una zuppa cremosa e densa.

 

Con questa ricetta rappresento:

Qui di seguito potrete fare un viaggio nelle cucine regionali italiane e scoprire tante ricette tipiche:

Lombardia: Urgiada o Oriada

7 thoughts on “SEUPA DE PELON”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *